616 Operatori giudiziari – Concorso pubblico per diplomati – Ministero della  Giustizia

616 Operatori giudiziari – Concorso pubblico per diplomati – Ministero della Giustizia

616 OPERATORI GIUDIZIARI concorso pubblico per DIPLOMATI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

Selezione, mediante avviamento degli iscritti ai Centri per l’impiego, finalizzata all’assunzione di seicentosedici operatori giudiziari, (area II, fascia economica F1), con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle Regioni Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto. (GU n.80 del 08-10-2019)

616 OPERATORI GIUDIZIARI concorso pubblico per DIPLOMATI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

AGGIORNAMENTO: di seguito viene riportato l’articolo 4 per esteso e il link al bando

Art. 4 del BANDO per 616 OPERATORI GIUDIZIARI

Avvio a selezione e formazione della graduatoria
1. Entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del presente provvedimento nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» – la Direzione generale del personale e della formazione del Ministero della giustizia – Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi inoltra alle competenti amministrazioni regionali la richiesta di avviamento a selezione di un numero di lavoratori pari al doppio dei posti da ricoprire, secondo quanto indicato nella tabella A (LA TROVI NEL BANDO ALLA FINE)
2. Le competenti amministrazioni regionali (ovvero degli enti di area vasta, laddove previsto dalla normativa regionale), entro quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta, salvo eccezionale e motivato impedimento, procedono ad avviare a selezione i lavoratori nel numero richiesto. Nel caso in cui, all’esito della prova di idoneita’ di cui all’art. 6 e delle procedure assunzionali di cui all’art. 10, non vengano coperti tutti i posti, la Direzione generale del personale e della formazione procedera’ a richiedere ulteriori nominativi.

3. All’esito della richiesta di avviamento, per ciascuna circoscrizione provinciale (ovvero comunque su base territoriale, in coerenza con i rispettivi ordinamenti regionali), sara’ formata una singola graduatoria, comprensiva di un numero di candidati pari al doppio dei posti da ricoprire, secondo i criteri stabiliti dalla vigente normativa nazionale e regionale e tenuto comunque conto dei punteggi aggiuntivi attribuiti ai sensi dell’art. 5.
4. E’ fatto onere agli interessati di autocertificare ai centri per l’impiego (ovvero alle amministrazioni competenti secondo la normativa regionale) l’eventuale possesso dei titoli di preferenza di cui all’art. 50, comma 1-quater e 1-quinques del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, per le finalita’ di cui all’art. 5.
5. Anche al fine di dare piena attuazione al precedente comma 4, gli uffici competenti, laddove ritenuto utile e nel rispetto dei regolamenti e della normativa vigente, provvedono a dare massima diffusione del presente avviso.
6. Le amministrazioni regionali (ovvero degli enti di area vasta, laddove previsto dalla normativa regionale) trasmettono alle Corti di appello competenti per territorio gli elenchi dei nominativi dei lavoratori avviati alla selezione, secondo l’ordine di graduatoria e con espressa indicazione del punteggio, completi dei dati identificativi, del codice fiscale, dell’indirizzo di residenza, nonche’, ove possibile di un indirizzo e-mail o recapito telefonico. I lavoratori avviati alla selezione potranno comunicare formalmente un indirizzo diverso da quello di residenza, presso il quale intendano ricevere eventuali comunicazioni loro dirette, nonche’, per comunicazioni con carattere di urgenza, un indirizzo di posta elettronica o un recapito cellulare.

Tra i requisiti:

– eta’ non inferiore ai diciotto anni
– possesso del diploma di diploma di istruzione secondaria di primo grado (scuola media inferiore)

BANDO COMPLETO CLICCA QUI

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.