Aziende apistiche – Contributi a fondo perduto – Scadenza: 31 Ottobre 2013

Aziende apistiche – Contributi a fondo perduto – Scadenza: 31 Ottobre 2013

mieleLa Regione Marche concede contributi a fondo perduto finalizzati agli investimenti volti all’adeguamento e messa a norma di locali per la smielatura, lavorazione e confezionamento del miele gia’ esistenti, ed acquisto di nuove macchine ed attrezzature per la lavorazione e commercializzazione del miele ed altri prodotti dell’apicoltura quali smielatori, invasettatrici, disopercolatori; tra le attrezzature possono essere compresi anche i programmi informatici.

Beneficiari
Imprenditori agricoli produttori apistici singoli od associati, apicoltori professionisti la cui redditività possa essere dimostrata con una valutazione delle prospettive e che possiedano le qualifiche e le competenze professionali adeguate da dimostrare al momento della presentazione di richiesta di liquidazione tramite:
– esperienza minimo biennale come titolare, contitolare o coadiuvante dell’impresa apistica riscontrabile dalle denunce del patrimonio apistico e/o aver partecipato e superato, od impegno a partecipare ad un corso di specializzazione di 25 ore con un numero di ore definito ai fini del rilascio della qualifica finale. Per quello che riguarda le imprese associate dovra’ essere individuato un referente partecipante al corso che si impegni a trasmettere agli associati le proprie conoscenze. Ciascun beneficiario dovra’ aver presentato regolare denuncia all’autorita’ sanitaria competente per territorio.

Entità del contributo
Il contributo sarà pari al 40% delle spese ammissibili, elevabile al 50% nelle aree svantaggiate ed elevabile rispettivamente fino al 45% e 55% per i giovani apicoltori di eta’ inferiore a 40 anni.
L’importo massimo dell’investimento non può superare il limite di 20.000 EURO per azienda singola e di 40.000 EURO per aziende associate nel caso di investimenti fissi ed il limite di Euro 10.000 per aziende singole e 20.000 Euro per aziende associate nel caso di investimenti mobili. L’IVA si intende generalmente recuperabile da parte del beneficiario finale e quindi non ammissibile a contributo.

Scadenza: 31 ottobre 2013

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/10/bando-attività-apistiche-scad.-31-ottobre-2013.rtf” size=”medium”]Bando integrale[/button]

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.