“Come dicono i fucilieri: tutti insieme nessuno indietro. Siamo italiani, dimostriamolo, come hanno fatto loro”

“Come dicono i fucilieri: tutti insieme nessuno indietro. Siamo italiani, dimostriamolo, come hanno fatto loro”

[dropcap]L[/dropcap]’appello dei marò non può lasciarci indifferenti, sta assumendo i toni della tragedia questa che era cominciata come una farsa.

La Torre ha mandato un messaggio a tutti i politici italiani che forse più di altre valutazioni deve essere un monito per chi come me fa politica, la tragedia appunto è dietro l’angolo e le responsabilità non saranno distinguibili. Facciamo tutti quanti pressione, ognuno per il proprio ruolo, per questi ragazzi che sono il simbolo di una Italia che solo se ritrova dignità e unità potrà uscire dal pantano.

[pullquote align=”right”]Come dicono i fucilieri: tutti insieme nessuno indietro. Siamo italiani, dimostriamolo, come hanno fatto loro [/pullquote]

L’appello non si limita alla protesta o alla rabbia ma chiede unità chiede un segnale di unPaese (al singolare) che almeno di fronte alla propria bandiera e ai propri soldati sia una sola e orgogliosa Nazione. L’appello di La Torre è inequivocabile e non serve aggiungere nulla:

Domani chiederò ai miei colleghi Consiglieri Regionali di votare Uniti un ordine del giorno tutti insieme per protestare contro l’India!

 

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.