Concorso Ministero Lavoro per 1514 funzionari al Ministero Lavoro – scadenza 11 ottobre 2019

Concorso Ministero Lavoro per 1514 funzionari al Ministero Lavoro – scadenza 11 ottobre 2019

Il Ministero del Lavoro, tramite la Commissione per l’attuazione del progetto Ripam, ha bandito un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 1514 posti di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, da inquadrare nei ruoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dell’Ispettorato nazionale del lavoro e dell’INAIL, Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro INAIL.
Il concorso ha carattere epocale; questo bando infatti non era mai uscito negli ultimi dieci anni. Di grande rilievo il fatto che si può concorrere ai 635 posti dell’INAIL con qualsiasi tipo di laurea.
Con il concorso vengono ricercate due figure professionali:

  • 691 ispettori del lavoro, da inserire negli ispettorati presenti nei capoluoghi di provincia di tutta Italia
  • 823 funzionari amministrativi, di cui 131 andranno agli ispettorati del lavoro, 635 all’INAIL, 57 nelle strutture del Ministero del Lavoro

Tecnicamente il bando di concorso suddivide i posti in due profili professionali contraddistinti da codici:

Codice CU/GIUL

  • 131 funzionari area amministrativa giuridico contenzioso, area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro;
  • 635 funzionari amministrativo, area C, livello economico C1, da inquadrare nei ruoli dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro;
  • 57 funzionari area amministrativa giuridico contenzioso, area funzionale III – F1, da inquadrare nei ruoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Codice CU/ISPL

  • 691 ispettori del lavoro, Area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato nazionale del lavoro;

Le domande vanno inviate online tramite la piattaforma telematica www.ripam.cloud entro il 11 ottobre 2019.

REQUISITI CU/GIUL

  • 131 FUNZIONARI AREA AMMINISTRATIVA GIURIDICA e 57 FUNZIONARI AREA AMMINISTRATIVA GIURIDICA
    REQUISITI: per questi posti si può concorrere con qualsiasi in ambito giuridico o scienze politiche. Il bando richiede il possesso di uno dei seguenti titoli di studio: lauree magistrali (LM) in: LMG/01 – Giurisprudenza; LM-63 – Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-62 – Scienze della politica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; lauree specialistiche (LS) in: 22/S – Giurisprudenza; 102/S – Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; 71/S – Scienze delle pubbliche amministrazioni; 70/S – Scienza della politica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; diploma di laurea (DL) in: giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa; classi di laurea (L) in: L14 – Scienze dei servizi giuridici, L16 – Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L36 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati secondo la normativa vigente.
  • 635 FUNZIONARI AMMINISTRATIVI
    REQUISITI: per questi posti si può concorrere con qualsiasi laurea. Il bando richiede il possesso di uno dei seguenti titoli di studio: laurea (L), diploma di laurea (DL), laurea specialistica (LS), laurea magistrale (LM).

REQUISITI CU/ISPL

  • 691 ISPETTORI DEL LAVORO
    REQUISITI: per questi posti si può concorrere con qualsiasi laurea in ambito giuridico e poche altre. Il bando richiede il possesso di uno dei seguenti titoli di studio: lauree magistrali (LM) in: LMG/01 – Giurisprudenza; LM-63 – Scienze delle pubbliche amministrazioni o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; lauree specialistiche (LS) in: 22/S – Giurisprudenza; 102/S – Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; diploma di laurea (DL) in: giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti secondo la normativa vigente; laurea (L) in: L-14 – Scienze dei servizi giuridici, L-16 – Scienze all’amministrazione e dell’organizzazione, L-36 – Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati secondo la normativa vigente.

PROVE D’ESAME

PROVA PRESELETTIVA: comune ai profili professionali consisterà in un test, da risolvere in sessanta minuti, composto da sessanta quesiti a risposta multipla di cui quaranta attitudinali per la verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico e critico-verbale e venti diretti a verificare la conoscenza delle seguenti materie:
– diritto costituzionale
– diritto amministrativo con particolare riferimento alla normativa in materia di accesso ai documenti amministrativi, trasparenza, prevenzione e contrasto della corruzione;
– diritto del lavoro e legislazione sociale;
– disciplina del lavoro pubblico.

PROVA SCRITTA: si articola in una prova selettiva scritta, distinta per i profili professionali mediante la somministrazione di sessanta domande con risposta a scelta multipla.

  • Materie Ispettore del lavoro – Codice CU/ISPL
    – diritto costituzionale;
    – diritto amministrativo;
    – diritto civile;
    – diritto del lavoro e legislazione sociale;
    – elementi di diritto commerciale;
    – elementi di diritto dell’Unione europea;
    – elementi di contabilita’ pubblica;
    – elementi di diritto penale e di diritto processuale penale;
    – elementi di diritto processuale civile;
    – disciplina del lavoro pubblico e responsabilita’ dei pubblici dipendenti;
    – normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
    – ordinamento e attribuzioni dell’Ispettorato nazionale del lavoro.
  • Materie Funzionario amministrativo giuridico contenzioso – Codice CU/GIUL
    – diritto costituzionale;
    – diritto amministrativo;
    – elementi di diritto dell’Unione europea;
    – diritto civile con particolare riferimento ad obbligazioni e contratti;
    – diritto del lavoro e legislazione sociale;
    – normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
    – contabilita’ pubblica;
    – elementi di scienze delle finanze;
    – elementi di diritto processuale civile;
    – elementi di diritto penale con particolare riferimento ai
    – reati contro la pubblica amministrazione;
    – disciplina del lavoro pubblico e responsabilita’ dei pubblici dipendenti;
    – ordinamento e attribuzioni dell’Ispettorato nazionale del lavoro, dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

PROVA ORALE: distinta per ciascuno dei profili messi a concorso, consisterà in un colloquio interdisciplinare sulle materie oggetto della prova scritta. Il candidato sarà sottoposto all’accertamento della conoscenza della lingua inglese e della conoscenza delle tecnologie informatiche, della comunicazione e del codice dell’amministrazione digitale.

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.