Contributi a fondo perduto agli agricoltori per accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali

Contributi a fondo perduto agli agricoltori per accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali

agricoltura-biologicaObiettivi:

– Incrementare il valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali attraverso l’ammodernamento e il miglioramento dell’efficienza delle strutture produttive.

– Sostenere gli vestimenti concernenti la raccolta, il condizionamento, la lavorazione e trasformazione, la conservazione, il confezionamento e la predisposizione per le successive fasi di distribuzione commerciale o di utilizzazione industriale dei prodotti agricoli primari nonché dei prodotti forestali.

Beneficiari:

1. micro, piccole e medie imprese, ai sensi della Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione;
2. imprese diverse da quelle di cui al trattino precedente, che occupano meno di 750 persone o il cui fatturato annuo non supera i 200 milioni di euro;

Le imprese debbono:

  • svolgere l’attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli di cui all’Allegato I del Trattato, sia come materia prima che come prodotto ottenuto dalla trasformazione, esclusi i prodotti della pesca;
  • sostenere l’onere finanziario delle iniziative ed essere titolari di una posizione debitamente validata (fascicolo aziendale) presso Agea;
  • essere in possesso delle strutture su cui intendono realizzare gli interventi oggetto della domanda di aiuto, potendo far valere un titolo di proprietà di usufrutto o di affitto, in quest’ultimo caso per un periodo di tempo non inferiore al vincolo a cui il bene oggetto di finanziamento sarà assoggettato.

Tipologia spese ammissibili:

Sono ammissibili le spese sostenute dopo la presentazione della domanda per:

  1. Investimenti fissi (opere edilizie riguardanti ristrutturazioni e ammodernamento di strutture al servizio della azienda agricola; opere di miglioramento fondiario: viabilità aziendali, recinzioni finalizzate agli allevamenti zootecnici o alle colture arboree, livellamenti e simili di natura straordinaria;
  2. Macchine e attrezzature (acquisto di macchine e attrezzature nuove, tecnologicamente avanzate commisurate alle effettive esigenze aziendali; acquisto di apparecchiature e strumentazioni informatiche hardware e software nuove, funzionali alle produzioni aziendali; acquisto di impianti relativi alla conservazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e zootecnici qualora tali attività siano connesse all’attività di produzione agricola; spese per brevetti e licenze)
  3. Spese Generali (spese tecnico progettuali e spese sostenute per la predisposizione di polizze fidejussorie).

Entità dell’agevolazione:
L’aiuto viene concesso nella forma di contributo a fondo perduto in misura variabile a seconda della misura e variano da 30 % ad un 60 %.

Scadenza: ore 13,00 del 30 ottobre

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/10/agricoltura-bando-123.rtf” size=”medium”]Bando integrale[/button]

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.