Contributi europei fino all’80% per la riconversione delle flotte della pesca e riorientamento professionale dei pescatori

Contributi europei fino all’80% per la riconversione delle flotte della pesca e riorientamento professionale dei pescatori

Guardiani del mareContributo a fondo perduto fino all’80% per la riconversione delle flotte delle pesca ed il riorientamento professionale dei pescatori.
Finalità:
Favorire la riconversione delle flotte delle pesca e il riorientamento professionale dei pescatori e degli armatori in attività diverse dalla pesca.
Nello specifico l’Azione preparatoria punta a:
-Verificare, nelle regioni costiere mediterranee, la fattibilità di riconvertire professionalmente i pescatori utilizzando i pescherecci per attività diverse dalla pesca;
-Individuare e sviluppare soluzioni tecniche per la pulizia del mare, ad esempio per risolvere il problema della raccolta dei rifiuti di plastica;
-Identificare le condizioni economiche e i costi operativi dei pescherecci riconvertiti per operare come piattaforme per attività ambientali e marittime diverse dalla pesca, e individuare modalità per il loro futuro finanziamento;
-Individuare le esigenze di formazione dei pescatori e,se necessario, degli armatori, nonché i modi per farvi fronte e finanziarle;
-Sostenere la riduzione della capacità di pesca conformemente agli obiettivi della riforma della Politica comune della pesca, fornendo incentivi sia agli armatori che ai pescatori per lasciare il settore e optare per la riconversione professionale.
Azioni:
Sostegno a progetti incentrati sulle seguenti attività:
a)Lavoro d’ufficio
-Analizzare la fattibilità tecnica ed economica di progetti di riconversione professionale in cui i pescatori impiegano la loro esperienza e competenza per condurre attività legate al mare ma diverse dalla pesca;
-Individuare e analizzare i costi di avvio e operativi necessari per un peschereccio e il suo equipaggio per svolgere le attività di cui sopra, e individuare possibili fonti di finanziamento;
-Individuare le esigenze formative dei pescatori e degli armatori per svolgere queste attività e conseguire risultati positivi.
b)Attività operative in mare
-Verificare la fattibilità di utilizzare un peschereccio come piattaforma per attività marittime e ambientali al di fuori della pesca, quali il recupero di rifiuti marini, l’osservazione del mare e del suo ecosistema, la raccolta di attrezzature della pesca smarrite,l’erogazione di servizi per il turismo e il tempo libero, la raccolta di dati inerenti il mare, il monitoraggio delle oasi marine protette, il monitoraggio degli indicatori ambientali,dati sulla qualità dell’acqua, sull’inquinamento, sulla proliferazione di alghe tossiche…
c)Prove fisiche e sperimentazione
-Individuare e sviluppare soluzioni tecniche per la pulizia del mare.
d)Diffusione
-Conferenze, seminari, attività di diffusione e sensibilizzazione inerenti a quanto sopra indicato.
Si prevede di finanziare 4-5 progetti.
Beneficiari:
Autorità pubbliche nazionali, regionali e locali, enti pubblici o semi-pubblici, enti privati profit e no-profit, centri di ricerca, istituti d’istruzione e altri enti interessati, come i Gruppi di Azione Locale della Pesca ai sensi del Regolamento CE 1198/2006. Questi soggetti devono essere stabiliti nelle regioni costiere mediterranee dei seguenti Paesi: Cipro, Grecia,Malta, Italia, Croazia, Slovenia, Francia e Spagna.
Entità del contributo:
Il contributo UE copre fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto e sarà compreso tra 100.000 Euro,ed i 400.000 Euro.

Scadenza: 18 Ottobre 2013

Modalità di presentazione della domanda:
Per posta, al seguente indirizzo:
European Commission
Directorate-General for Maritime Affairs and Fisheries
Unit MARE/D1
(Ref. MARE/2013/09)
Office: J-99 02/020
B – 1049 BRUSSELS

Con corriere, al seguente indirizzo:
European Commission
Directorate-General for Maritime Affairs and Fisheries
Unit MARE/D1
(Ref. MARE/2013/09)
Office: J-99 02/020
Avenue du Bourget 1
B – 1140 BRUSSELS (Evere)

A mano, al seguente indirizzo:
European Commission
Directorate-General for Maritime Affairs and Fisheries
Unit MARE/D1 (Ref. MARE/2013/09)
Office: J-99 02/020
Avenue du Bourget 1
B – 1140 BRUSSELS (Evere)

Eventuali richieste di chiarimento relative al bando devono essere inviate esclusivamente via mail al seguente indirizzo di posta elettronica: MARE-D1@ec.europa.eu, indicando nell’oggetto “Guardians of the Sea”

Per tutte le informazioni

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/10/Bando-Guardiani-del-mare.pdf” size=”medium”]Bando integrale[/button]

 

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.