Contributi per attività di artigianato artistico, tradizionale e tipico di qualità

canale_di_tenno_-_i_mercatini_dell_artigianato_artistico_-_12_2011_-_davide_pivetti_imagelargeNell’ambito della promozione e valorizzazione della tradizione dell’artigianato artistico e tipico di qualità, la Regione Marche, secondo la L.R. 20/2003, concede contributi in conto capitale ai seguenti beneficiari:
– le imprese artigiane, singole o associate, che svolgono attività artistiche e che siano iscritte alla sezione speciale
– ATI (associazioni temporanee di imprese) e le reti d’impresa costituite tra le imprese del settore artigianato artistico tipico e tradizionale.

  • Interventi e Azioni agevolabili

> Tipologia A
– Ammodernamento, ristrutturazione e mantenimento dei laboratori in proprietà o in locazione;
– restauro e mantenimento delle attrezzature non reperibili sul mercato;
> Tipologia B
– spese per la commercializzazione di prodotti.

  • Costi ammissibili

> Tipologia A
– spese per opere murarie ed accessorie (impianti idrotermosanitari, elettrici, aereazione, antincendio, climatizzazione, antifurto e di tutti gli impianti a rete);
– progettazione e direzione dei lavori nella misura massima del 10% dei lavori di cui sopra;
– spese per restauro e manutenzione di attrezzature non reperibili nuove sul mercato (si intendono quelli la cui fabbricazione è antecedente al 1980).
> Tipologia B
– spese per partecipazione a fiere/mercati riferite al solo costo per gli acquisti degli spazi ed allestimento degli stand (escluse spese di viaggio, alloggio, acquisto spazi pubblicitari);
– spazi per pubblicità aziendali riferite esclusivamente alla progettazione di: brochure, depliant, locandine, cartellonistica, manifesti, cataloghi (escluse spese per la stampa e diffusione);
– spese per la realizzazione di siti internet e loro aggiornamento;
– spese per la pubblicizzazione su testate giornalistiche radiofoniche e televisive.
Sono ammissibili al massimo spese per la partecipazioni a due manifestazioni fieristiche

  • Tipologia ed entità del finanziamento

I contributi in conto capitale sono del 40% delle spese ritenute ammissibili e fino ad un massimo di 15.000 € per la tipologia A e 10.000 € per la tipologia B.
Per le ATI, rete d’impresa e consorzi il contributo è elevato a 30.000 €
Sono ammesse le spese successive al 01/01/2013

> Scadenza presentazione delle domande: 09/08/2013

 

Per tutte le informazioni

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/07/DGR0832_13-art-14.pdf” size=”medium”]Interventi tipologia A[/button]

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/07/DGR0832_13-art-34.pdf” size=”medium”]Interventi tipologia B[/button]

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/07/DGR0832_13-Allegato-1b.pdf” size=”medium”]Attività ammesse a contributo[/button]

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.