Contributi regionali a sostegno degli “Interventi per l’agriturismo”

Contributi regionali a sostegno degli “Interventi per l’agriturismo”

AgriturismoLa Regione Marche concede aiuti a sostegno degli interventi per l’agriturismo al fine di perseguire  i seguenti obiettivi:
< qualificare l’offerta turistica finalizzata ad ottenere un aumento della qualità dei servizi offerti ed un miglioramento della capacità delle aziende di aumentare il numero degli ospiti e la loro permanenza;
< arricchire la proposta di ospitalità rurale con particolare riguardo alle tradizioni culinarie e alle produzioni di qualità locali, alle attività didattiche e culturali, alle attività ricreative, riabilitative e sportive;
< sviluppare la conoscenza, anche sotto il profilo turistico, del mondo agricolo e del territorio rurale, proponendo la scoperta e il recupero della cultura enogastronomica regionale, delle bellezze ambientali del territorio, del patrimonio storico e di quello architettonico locale.

Tipologie d’intervento

Investimenti materiali
A.recupero, ristrutturazione e risanamento conservativo di edifici rurali o porzioni di edifici da destinare alla fornitura di attività e servizi complementari all’ospitalità agrituristica, così come previsti dall’articolo 2, comma 2, della legge 96/2006, e dall’articolo 10 della legge regionale 21/2011, e/o all’allestimento di locali per attività ricreative e/o didattiche; in particolare, tra i servizi complementari, nel rispetto delle specifiche normative di settore, rientrano le attività inerenti la cura del benessere e della salute quali il centro benessere, il centro termale, la fattoria della salute, il centro sportivo etc.;
B.realizzazione di percorsi didattici ed escursionistici, all’interno dell’azienda agricola per la conoscenza ed il godimento dei beni ambientali e naturali;
C.realizzazione di strutture sportive all’interno dell’azienda agricola;
D.acquisto ed allestimento di attrezzature destinate ad attività sportive, ricreative, riabilitative, didattiche, formative, di animazione e culturali all’interno dell’azienda agricola.

Investimenti immateriali
Onorari per consulenti e per i professionisti coinvolti nella progettazione e nella successiva realizzazione degli investimenti di cui sopra.

Ambito territoriale d’intervento
La misura è applicabile in tutto il territorio regionale ad esclusione dei poli urbani (aree di tipo A), come individuati al capitolo 3.1.1.1 del Programma di Sviluppo Rurale delle Marche anni 2007–2013:

  •   Comune di Ancona
  •   Comune di Ascoli Piceno
  •   Comune di Macerata
  •   Comune di Pesaro.

Beneficiari
La domanda di aiuto, ai sensi del presente bando, può essere presentata da imprenditori agricoli, così come individuati dall’articolo 2135 del codice civile, in possesso dei seguenti requisiti:
a) in possesso di Partita IVA;
b) iscritti al registro delle imprese, sezione speciale imprese agricole, della Camera di Commercio, Industria, Artigianato
e Agricoltura (C.C.I.A.A.) territorialmente competenti;
c) essere in grado di dimostrare, attraverso regolare atto o contratto, il possesso del fabbricato e del fondo in cui viene
realizzato l’investimento oggetto di cofinanziamento, dalla data di presentazione della domanda di aiuto fino alla
scadenza dell’impegno a mantenere la destinazione d’uso dell’investimento realizzato, nel caso in cui risultasse
beneficiario dell’aiuto previsto dal presente Bando;
d) in possesso dell’iscrizione nell’Elenco Regionale degli Operatori Agrituristici;
e) in possesso dell’abilitazione per l’esercizio dell’attività agrituristica (autorizzazione comunale o SCIA).

Scadenza ore 13,00 del 3 dicembre 2013

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/11/Bando-Interventi-Agriturismo-scadenza-3-dicembre-2013-Decreto-n.-548_13.pdf” size=”medium”]Bando integrale[/button]
Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.