IL BATTISTI E’ SALVO. APPROVATO ANCHE IL MIO EMENDAMENTO PER IL RIPRISTINO DEI CORSI SERALI. UNA VITTORIA PER GLI STUDENTI E PER LA CITTA’ DI FANO

IL BATTISTI E’ SALVO. APPROVATO ANCHE IL MIO EMENDAMENTO PER IL RIPRISTINO DEI CORSI SERALI. UNA VITTORIA PER GLI STUDENTI E PER LA CITTA’ DI FANO

L’istituto ITC Battisti di Fano per quest’anno è ufficialmente salvo.

Questo rappresenta una grande vittoria per centinaia di studenti e per l’intera città di Fano. La proposta di atto riguardante la programmazione della rete scolastica per l’anno 2016/2017 è stata discussa oggi nella commissione regionale istruzione e contiene definitivamente il mantenimento dell’autonomia dell’istituto tecnico Battisti di Fano e grazie al mio emendamento è avvenuto anche il ripristino dei corsi serali che non erano ricompresi.

Questa notizia è motivo di grande soddisfazione per tutti i ragazzi, per le loro famiglie e per l’intero corpo docente per mesi ha portato avanti una battaglia di cui mi sono fatto interprete fin dal primo momento. Nella commissione odierna è stato approvato anche il mio emendamento che inserisce nel Battisti i corsi serali già esistenti all’interno della programmazione scolastica”.

Ritengo fosse indispensabile evitare l’accorpamento del Battisti con il Polo tre di Fano, perché sarebbe stata una scelta senza ritorno fatta con troppa fretta e senza una condivisione. Fortunatamente anche a seguito delle mie ripetute osservazioni, l’assessore Bravi ha capito l’importanza di concertare maggiormente questa decisione con tutti i soggetti interessati. Il Battisti conserverà la propria autonomia il prossimo anno e ciò permetterà anche il rilancio della sua già valida offerta formativa con l’obiettivo di aumentare il numero di iscritti. Con questa vittoria alla città di Fano viene così consentito il mantenimento della quarta unità didattica, evitando quindi di essere relegati ad un ruolo marginale rispetto agli altre città delle Marche.


Adesso è il momento di pensare al futuro ed invito tutta la classe politica della città di Fano e tutti gli operatori scolastici a concertare assieme le migliori soluzioni per riorganizzare al meglio la rete del territorio cercando di offrire un sempre più ricco e valida offerta formativa ai giovani studenti, magari evitando che il problema si riproponga. Vada la scuola a proporre i propri corsi presso le scuole medie.

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.