Istituto Superiore di Sanità: Borsa di studio per Laureati – scadenza 3 Gennaio 2019

Istituto Superiore di Sanità: Borsa di studio per Laureati – scadenza 3 Gennaio 2019

L’Istituto Superiore di Sanità ha indetto un concorso pubblico per il conferimento di una borsa di studio del valore di € 20.000 rivolta a laureati.

Sede di lavoro presso il Centro Nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci.

Sarà possibile candidarsi ai bandi fino al 3 gennaio 2019.

BORSE DI STUDIO ISS

E’ indetto un bando pubblico per l’assegnazione di una borsa di studio per laureati, per studi e ricerche presso il Centro Nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci dell’I.S.S. riguardo la tematica: ‘Metodi analitici per la valutazione della qualità e sicurezza dei vaccini ad uso umano’.

La borsa di studio del valore di € 20.000 avrà durata annuale.

REQUISITI

Possono partecipare al concorso per la borsa di studio Istituto Superiore di Sanità i candidati in possesso dei requisiti  di seguito riassunti:
– cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea. Possono partecipare i cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea e i loro familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o cittadinanza di Paesi Terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato o dello status di protezione sussidiaria;
– età non superiore a 30 anni;
– idoneità fisica all’attività di borsista;
– non aver riportato condanne penali che comportino l’interdizione dai pubblici uffici;
– laurea magistrale in Biologia Cellulare e Molecolare e Scienze Biomediche.

SELEZIONE

Le procedure di selezione si espleteranno attraverso la valutazione dei titoli e dei requisiti dei candidati.

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’

L’Istituto Superiore di Sanità, chiamato anche ISS, è un ente pubblico ed è un organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale in Italia. ISS svolge funzioni di ricerca, sperimentazione, consulenza, controllo, documentazione e formazione in materia di salute pubblica. L’Istituto è posto sotto la vigilanza del Ministero della salute.

 DOMANDA

La domanda di ammissione ai concorsi dell’Istituto Superiore di Sanità, redatta secondo il modello in allegato, dovrà essere inoltrata al Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell’Istituto Superiore di Sanità – Viale Regina Elena, 299 – 00161 – Roma, entro il 3 gennaio 2019, secondo una delle seguenti modalità:
– a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento;
– via mail da casella personale di posta elettronica certificata all’indirizzo PEC: protocollo.centrale@pec.iss.it.

Alla domanda di ammissione al concorso sarà necessario allegare i seguenti documenti:
– dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell’atto di notorietà ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R. 445/2000 attestanti: il possesso della laurea prevista, con l’indicazione del voto di laurea, nonché la data del conseguimento della stessa; altri titoli culturali, professionali e accademici che l’aspirante ritenga utile presentare, concernenti l’attività di ricerca;
– programma di ricerca dettagliato che il candidato intende svolgere durante il periodo di fruizione della borsa. Il programma deve essere firmato dal candidato;
– pubblicazioni scientifiche.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.  

BANDO

Tutti gli interessati ai concorsi di borse di studio per laureati dell’Istituto Superiore di Sanità sono invitati a scaricare e consultare attentamente il BANDO , pubblicato per estratto sulla GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.96 del 4-12-2018.

Tutte le successive comunicazioni in merito all’espletamento delle prove concorsuali e alla redazione della graduatoria finale saranno rese pubbliche sul sito internet www.iss.it nella sezione ‘Amministrazione Trasparente /Bandi di Concorso’.

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.