“La scelta giusta per Fano” è il nome della coalizione che candida a sindaco Mirco Carloni

“La scelta giusta per Fano” è il nome della coalizione che candida a sindaco Mirco Carloni

testa facebook 600x225 mirco carloni

Ben quattro dei cinque gruppi che sostengono Mirco Carloni sono liste civiche, una coalizione di cittadini di diverso orientamento politico ma con un serio obiettivo comune: il cambiamento.

Oltre a quella del candidato sindaco “La cosa giusta”, fanno parte della compagine “Fano in testa” di Lucia Salucci, Mattia Tarsi e Marco Cicerchia, che raggruppa i giovani provenienti da Forza Italia, “La rinascita di Fano” di Michele Silvestri e “Fano popolare” animata da Fabio Uguccioni. C’è poi il Nuovo Centrodestra, partito dal quale Mirco Carloni è uscito all’annuncio della sua candidatura, con la lista guidata da Alberto Santorelli.

Incontrandoli per la prima volta nella sede di via dell’Abbazia, Mirco Carloni ieri sera ha galvanizzato i 120 candidati al consiglio comunale della coalizione presentando con grande entusiasmo e forza di volontà le idee e i progetti per Fano. Sono intervenuti anche Fabio Uguccioni, Mattia Tarsi, Alberto Santorelli, Michele Silvestri, Gianni Paluzzi, Aurelio Donninelli e Claudio Pacifici.

Mirco Carloni ha promesso un profondo rinnovamento dell’amministrazione comunale, nel segno della discontinuità, annunciando innanzitutto un cambio di metodo: il rapporto diretto con gli elettori-cittadini. Già nei giorni scorsi, il candidato sindaco ha inviato una lettera a tutte le famiglie fanesi. “Penso che questa sia la più grande operazione di partecipazione politica mai organizzata in città, oltre ogni divisione ideologica”, sottolinea Carloni, che invita tutti i fanesi a fornire un contributo di idee, di impegno concreto o anche solo di fiducia.

Questo sarà anche l’indirizzo della riforma progettata della macchina comunale, perché il cittadino non sia solo un pagatore di tasse e imposte ma possa ricevere servizi efficienti e soprattutto accessibili. Per Carloni è importantissima anche la collaborazione di ogni cittadino con l’amministrazione al fine di tutelare il bene comune, nel segno della cittadinanza attiva storicamente presente a Fano, attraverso la sussidiarietà orizzontale, capace di generare lavoro e solidarietà.

Al riguardo, è significativa la critica mossa alla gestione dei servizi sociali dell’assessore Delvecchio. “In questo momento di grande emergenza sociale all’ingresso degli uffici comunali è scritto che il pubblico si riceve solo su appuntamento”, ha riferito Carloni, perplesso anche sulla ripartizione dei fondi anticrisi, la maggior parte dei quali è distribuita a pioggia e non in base a criteri oggettivi.

Per garantire il benessere delle famiglie e il futuro dei giovani la coalizione “La scelta giusta per Fano” punta sulla valorizzazione dei servizi territoriali e la promozione del lavoro. Nelle politiche comunali dovranno essere introdotte innovazione e creatività, utilizzando le nuove tecnologie e anche le competenze della società civile.

Inoltre, Carloni ha ribadito la priorità della difesa del Santa Croce: “L’ospedale unico non si potrà realizzare se non sono disponibili i fondi dello Stato e comunque non si potrà costruire in una zona di pregio ambientale e di valore turistico-balneare come Fosso Sejore”. Il candidato sindaco ha garantito anche l’autonomia e l’unificazione delle due società Aset, assicurando che resteranno totalmente in mano pubblica sia il servizio idrico che quello dei rifiuti. Un capitolo importante è la revisione del Piano regolatore generale, di cui si critica il fallimentare modello di sviluppo da correggere con il recupero dell’edificato e l’introduzione delle tecnologie biologiche e del risparmio energetico. “Serve una scossa forte alla città – ha concluso Mirco Carloni – per far ripartire l’economia e lo sviluppo”.

Next Post:
Previous Post:
This article was written by