Polizia di Stato: Concorso 80 Commissari, Bando 2016 – scadenza 16 aprile 2016

Polizia di Stato: Concorso 80 Commissari, Bando 2016 – scadenza 16 aprile 2016

Il Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza, ha indetto un concorso per 80 Commissari della Polizia di stato. Il Bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie concorsi ed esami n. 22 del 18-3-2016.

Per inviare le domande di partecipazione al concorso c’è tempo fino al 16 aprile 2016. Ecco tutti i dettagli del bando pubblico.

REQUISITI

Possono accedere al concorso per ottanta posti di commissario del ruolo dei commissari della Polizia di Stato coloro che possiedono i seguenti requisiti:
– essere cittadino italiano;
– godere dei diritti politici;
– possedere le qualità morali e di condotta necessarie per svolgere il ruolo;
– non aver compiuto i 32 anni di età (sono previsti dei casi specifici che esulano da questo vincolo, si veda il bando per dettagli);
– idoneità fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia;
– i candidati devono essere Laureati (Laurea magistrale, specialistica o del vecchio ordinamento) in Giurisprudenza, materie Economiche, Scienze Politiche, scienze delle Pubbliche amministrazioni, Economia Aziendale. Tutte le classi di lauree ammesse sono indicate nel bando che vi consigliamo di consultare con attenzione.

PROVE D’ESAME

Preselezione:
Nel caso in cui il numero delle domande di partecipazione dovesse essere superiore a 50 volte il numero dei posti messi a concorso e non sia inferiore a cinquemila, verrà effettuata una prova preselettiva con domande a risposta multipla in ambito: diritto penale, diritto processuale penale, diritto civile, diritto costituzionale e diritto amministrativo. Ciascun quesito viene elaborato predisponendo un’unica domanda seguita da 5 risposte, delle quali una sola è esatta. La prova preselettiva sarà effettuata per gruppi di candidati divisi per sedi a livello regionale o interregionale.

Il 19 aprile 2016 sarà pubblicato il diario dell’eventuale prova preselettiva ed i 5000 quesiti (mille domande per ciascuna materia) nella sezione concorsi del sito web della Polizia di Stato.

Prove previste:
Dopo l’eventuale fase di preselezione i candidati al concorso Polizia di Stato dovranno affrontare Prove di efficienza fisica (sono differenti per donne e uomini) ed accertamenti psico-fisici ed attitudinali. Gli idonei saranno ammessi a sostenere le prove scritte d’esame. Gli esami consistono in due prove scritte e in un colloquio. Tutti i dettagli sulle materie d’esame e sulla procedura sono indicati nel bando. Le graduatorie saranno rese note mediante avviso inserito nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

CORSO DI FORMAZIONE

I vincitori del concorso commissari Polizia, dovranno frequentare il corso di formazione della durata di due anni finalizzato anche al conseguimento del Master universitario di II livello ed articolato in due cicli annuali comprensivi di un tirocinio operativo. Al termine del corso di formazione i commissari capo saranno assegnati ai servizi d’Istituto presso gli uffici dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza.

DOMANDA

La domanda di partecipazione al concorso Polizia di Stato 2016 deve essere compilata utilizzando esclusivamente la procedura informatica disponibile in questa pagina del sito web del Ministero dell’interno. E’ necessario compilare il form online in tutte le sue parti entro le ore 23.59 del 16 aprile 2016, data di scadenza del bando.

Solo nel caso in cui negli ultimi tre giorni lavorativi di presentazione delle domande di partecipazione, venisse formalmente comunicata sul portale l’indisponibilità del servizio di domanda online, i candidati potranno inviare la domanda, come da fac-simile allegato al bando, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, presso il Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale per le Risorse Umane – Ufficio Attività Concorsuali – Via del Castro Pretorio, n. 5, 00185 Roma.

La procedura via internet di acquisizione della domanda di ammissione al concorso non permette l’inserimento dei titoli indicati nell’ articolo 6 del bando. Sarà cura dell’Amministrazione richiedere i titoli a tutti i partecipanti che saranno ammessi a sostenere le prove scritte.

BANDO

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.