AGRICOLTURA: CARLONI, TORNI A ESSERE CULTURA, AL LAVORO PER TUTELA CAMPAGNE E CHI CI LAVORA

AGRICOLTURA: CARLONI, TORNI A ESSERE CULTURA, AL LAVORO PER TUTELA CAMPAGNE E CHI CI LAVORA

San Benedetto 15 lug. – “L’Agricoltura mette insieme il meglio di ciò che il nostro Paese, e in questo caso le Marche rappresentano. Grazie anche a Coldiretti abbiamo fatto un’ottima legge sull’agriturismo, che valorizzava il turismo rurale. Abbiamo prodotto interventi sull’enoturismo, introdotto l’agricoltura al centro di un dibattito, che oggi è protagonista a San Benedetto del Tronto. Come Presidente di Commissione, abbiamo dato risposta al tema dell’alluvione. Nell’ultima finanziaria per la prima volta, e grazie al lavoro della Lega, abbiamo dato la possibilità agli agricoltori di raccogliere liberamente la legna dagli alvei dei fiumi. E’ nata dalle Marche quell’esperienza, così come altre proposte su cui stiamo lavorando.Siamo in prima linea nel contrasto di proposte che arrivano da Bruxelles e sono lontane anni luce dalla realtà: dal packaging all’etichettatura sui vini fino al tentativo di equiparare le stalle alle fabbriche quanto a emissioni. Il rispetto della natura c’è in campagna, dove l’agricoltore ha imparato dai nonni a gestire i fiumi e a coesistere con l’ambiente. Per questo, abbiamo proposto un testo a tutela delle nuove generazioni, e per sostenere chi vorrà operare in agricoltura, che deve ritornare ad essere cultura, le nostre origini, le nostre tradizioni. Il nostro è un impegno concreto, a tutela delle campagne e di chi opera nelle campagne. E lo continueremo a portare avanti”.

Lo ha dichiarato il deputato della Lega e presidente della commissione Agricoltura Micro Carloni intervenendo all’evento di apertura del Villaggio Coldiretti a San Benedetto del Tronto.

GALLERIA FOTOGRAFICA