Aziende agricole, contributi regionali per impianti  di produzione, utilizzo e vendita di energia o calore da fonti rinnovabili

Aziende agricole, contributi regionali per impianti di produzione, utilizzo e vendita di energia o calore da fonti rinnovabili

aziende agricole impianti fonti rinnovabiliLa Regione Marche concede aiuti per la realizzazione di impianti di produzione, utilizzo e vendita di energia o calore da fonti rinnovabili di potenza non superiore a 1 MW elettrico,  nonché per la produzione di biocombustibili provenienti in particolare dalle biomasse, finalizzati e funzionali all’avvio di nuove attività produttive, con lo scopo di realizzare la diversificazione dei redditi aziendali.

Settore interessato
Le attività svolte dai soggetti richiedenti devono essere ricomprese nella classificazione ISTAT 2007 (Ateco 2007) nella categoria A (AGRICOLTURA, CACCIA E SILVICOLTURA) a condizione che la produzione di energia da fonti rinnovabili (elettrica, termica, biocarburanti) provenga da processi di degradazione parziale o totale della biomassa.

Tipologie d’investimento
Investimenti materiali
A. Costruzione/ristrutturazione, compreso ampliamento e miglioramento funzionale, di beni immobili destinati all’installazione di attrezzature, di impianti e di macchinari necessari alla produzione per l’utilizzo e la vendita di energia elettrica o termica da fonti rinnovabili (biomassa vegetale) ed ai relativi impianti per lo stoccaggio della biomassa. Sono ammesse nuove costruzioni purché strettamente legate agli impianti di produzione di
energia. Tali investimenti sono ammissibili a condizione che:
> siano ubicati all’interno dell’azienda agricola, ossia su particelle presenti nel fascicolo aziendale della impresa richiedente i benefici ed in zona agricola Area E degli specifici strumenti urbanistici;
> abbiano una superficie commisurata all’attività da svolgere e una tipologia costruttiva adeguata alla specifica destinazione d’uso per cui sono stati richiesti;
> nel caso di recupero e/o ristrutturazione di fabbricati esistenti gli interventi debbono essere eseguiti nel rispetto delle caratteristiche tipologiche ed architettoniche degli edifici esistenti ai sensi delle attuali disposizioni che disciplinano l’attività edificatoria in zona rurale e nel rispetto delle caratteristiche ambientali delle zone interessate;
B. Acquisto di impianti ed attrezzature per la produzione e vendita di energia elettrica e/o termica.
C. Acquisto di impianti ed attrezzature per la produzione e vendita di biocombustibili.
D. Acquisto di attrezzature per la lavorazione e la trasformazione della biomassa destinata alla produzione di energia.
E. Acquisto di programmi informatici (software) per la gestione dell’attività.
Sono ammesse sia nuove installazioni sia il potenziamento o il completamento di quelle esistenti.
Investimenti immateriali
Onorari di consulenti progettisti per la realizzazione di studi di fattibilità e per la progettazione degli investimenti di cui sopra, nel limite complessivo del 10% dei costi materiali di cui sopra.

Accesso ai benefici
La misura è applicabile in tutto il territorio della regione Marche ad esclusione dei poli urbani (aree di tipo A), come individuati al capitolo 3.1.1.1 del PSR Marche 2007-2013:

  •   Comune di Ancona
  •   Comune di Ascoli Piceno
  •   Comune di Macerata
  •   Comune di Pesaro

Beneficiari
Imprenditori agricoli singoli o associati di cui all’articolo 2135 del codice civile, nonché dai membri della famiglia agricola, Viene definito membro della famiglia agricola, un componente del nucleo familiare così come risultante dall’anagrafe civile del Comune di
residenza della famiglia stessa.

Scadenza ore 13,00 del 3 dicembre 2013

[button link=”http://www.mircocarloni.it/wp-content/uploads/2013/11/Bando-Aziende-agricole-Bioenergie.pdf” size=”medium”]Bando integrale[/button]

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.