Stage retribuiti in Commissione Europea: 1300 tirocini – scadenza 31 gennaio 2017

Stage retribuiti in Commissione Europea: 1300 tirocini – scadenza 31 gennaio 2017

Ogni anno la Commissione Europea rende disponibili numerosi tirocini retribuiti per laureati. Per il 2017 2018 sono circa 1300 i percorsi di formazione e lavoro da attivare, suddivisi in due distinti periodi, con l’inserimento di 650 stagisti per ciascun periodo. Sono previste borse di stage da 1.159 euro al mese.

COMMISSIONE EUROPEA STAGE 2017 2018

Due volte l’anno, infatti, la Commissione Europea organizza, tirocini per laureati. Gli stessi prevedono l’erogazione di una borsa mensile e la copertura delle spese di viaggio. Gli stage retribuiti in Commissione Europea hanno una durata di 5 mesi. Le sedi di lavoro sono situate, generalmente, presso gli uffici di Bruxelles, Lussemburgo, Dublino e Londra, le Delegazioni (che sono anche a Roma e Milano) e le Rappresentanze.

 I tirocinanti hanno l’opportunità di lavorare in Commissione Europea, o presso alcuni organi esecutivi e le agenzie delle istituzioni europee,  in vari ambiti. Possono occuparsi, in particolare, di organizzare incontri, gruppi di lavoro, forum e audizioni pubbliche, di ricercare e compilare documenti, rapporti, consultazioni, di rispondere alle richieste e di progetti in corso.

PERIODI

I 1.300 stage retribuiti in Commissione Europea sono suddivisi in due periodi dell’anno, secondo il seguente calendario:
– a partire dal 1° marzo, con candidature tra luglio e agosto;
– a partire dal 1° ottobre, con candidature a gennaio.

Entro il 31 gennaio è possibile inviare la propria candidatura per svolgere un tirocinio nel periodo tra ottobre 2017 e febbraio 2018.

REQUISITI

Per candidarsi ai tirocini Commissione Europea è necessario possedere i seguenti requisiti:
– essere cittadini di un Paese membro dell’Unione Europea (un certo numero di tirocinanti possono provenire anche da Paesi terzi);
– avere una laurea almeno di primo livello (laurea triennale) in qualsiasi disciplina;
– non aver già svolto un periodo di tirocinio o lavoro, retribuito o non retribuito, di durata superiore alle 6 settimane presso istituzioni, enti, agenzie, delegazioni e membri del Parlamento dell’UE.

Occorre, inoltre, il possesso delle seguenti conoscenze linguistiche:
– ai candidati degli Stati membri dell’UE si richiede una buona conoscenza di almeno due lingue comunitarie, una delle quali deve essere una delle lingue di lavoro della Commissione europea, ovvero inglese, francese o tedesco;
– per i soli tirocini per traduttori, occorre essere in grado di tradurre nella propria lingua madre, che deve essere una delle lingue ufficiali dell’UE, almeno da altre due lingue dell’Unione Europea, una delle quali deve essere una lingua tra inglese, francese o tedesco.

Vi ricordiamo che 24 lingue ufficiali dell’Unione Europea sono bulgaro, croato, ceco, danese, olandese, estone, inglese, finlandese, francese, tedesco, greco, ungherese, italiano, irlandese, lettone, lituano, maltese, polacco, portoghese, rumeno, slovacco, sloveno, spagnolo e svedese.

BORSE DI STUDIO

I tirocinanti ricevono una borsa di stage, il cui importo viene stabilito su base annuale, del valore di circa 1.159 euro mensili, più il rimborso delle spese di viaggio e l’assicurazione per malattie e infortuni.

SELEZIONI

Il recruiting per gli stage retribuiti in Commissione Europea è articolato in diverse fasi, a cominciare da una preselezione delle candidature, che si basa sui seguenti criteri:
– livello di formazione;
– competenze linguistiche;
– eventuale esperienza di lavoro;
– esperienze all’estero;
– motivazione;
– competenze informatiche, capacità organizzative, pubblicazioni ecc.

I candidati preselezionati vengono inseriti in una banca dati, dalla quale poi vengono scelti, sulla base di criteri e requisiti specifici richiesti per ciascun profilo, i tirocinanti.

VANTAGGI

I tirocini in Commissione Europea rappresentano un’esperienza professionale importante perchè permettono agli stagisti di conoscere da vicino come si lavora nelle istituzioni europee, in un ambiente multietnico e multiculturale. Lo stipendio è buono se confrontato alla media italiana.

Inoltre questa prima esperienza può aprire la strada verso una carriera nell’Unione Europea. Infatti, sebbene sia necessario superare un concorso per funzionari per accedere ad incarichi europei, l’aver svolto un tirocinio permette di avere un titolo in più e non è un caso che molti funzionari e commissari abbiano iniziato il proprio percorso professionale proprio con uno stage.

COME CANDIDARSI

Gli interessati agli Stage retribuiti in Commissione Europea devono presentare la domanda online sul sito web del Traineeships Office, seguendo la procedura indicata. Sullo stesso sito sono presenti ulteriori informazioni sugli stage per laureati nella Commissione Europea. Vi ricordiamo che per candidarsi al prossimo ciclo di tirocini c’è tempo fino al 31 gennaio 2017.

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.