TAR: concorso per 40 Referendari – scadenza 9 Novembre 2019

TAR: concorso per 40 Referendari – scadenza 9 Novembre 2019

Aperto un nuovo concorso TAR per il reclutamento di Referendari di Tribunale Amministrativo Regionale.

A bando 40 posti di lavoro nella magistratura amministrativa.

Per partecipare alla selezione pubblica c’è tempo fino al 9 novembre 2019.

TAR CONCORSO 2019

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto, infatti, un concorso per Referendari finalizzato alla copertura di 40 posti di referendario di Tribunale Amministrativo Regionale del ruolo della magistratura amministrativa.

Il bando TAR è rivolto a magistrati, avvocati, dipendenti pubblici, docenti e ricercatori universitari, ed ai consiglieri regionali, provinciali e comunali, e prevede una selezione per titoli ed esami, consistente nell’espletamento di cinque prove, di cui quattro scritte ed una orale.

DESTINATARI

Possono partecipare al concorso Referendari di TAR le seguenti categorie di candidati:
– magistrati ordinari nominati a seguito di concorso per esami, che abbiano conseguito valutazione positiva di idoneità dopo 18 mesi di tirocinio, e magistrati contabili e della giustizia militare di qualifica equiparata;
– avvocati e procuratori dello Stato alla seconda classe di stipendio;
– dipendenti dello Stato laureati in Giurisprudenza, a seguito di corso universitario di durata almeno quadriennale, con qualifica dirigenziale o appartenenti alle posizioni funzionali per accedere alle quali è richiesta la laurea, compresi gli ufficiali militari, in possesso di almeno 5 anni di anzianità di servizio;
– docenti universitari di ruolo in materie giuridiche e ricercatori con almeno 5 anni di servizio;
– dipendenti di regioni, enti pubblici a carattere nazionale ed enti locali, con laurea in Giurisprudenza almeno quadriennale, assunti tramite concorsi pubblici e appartenenti alla qualifica dirigenziale o ad altre per accedere alle quali occorre essere laureati, con anzianità minima di 5 anni;
– avvocati iscritti da 8 anni all’albo professionale;
– consiglieri regionali, provinciali e comunali, laureati in Giurisprudenza, che abbiano esercitato le funzioni per minimo 5 anni o per un intero mandato.

Per quanto riguarda i requisiti richiesti e qualsiasi altra annotazione relativa ai candidati si rimanda a quanto dettagliatamente indicato nel bando.

 

PROGRAMMA D’ESAME

Il bando per Referendari prevede lo svolgimento, ai fini del concorso, di quattro temi scritti, di cui tre teorici ed uno pratico, e di un colloquio, che verteranno sulle seguenti materie:
– diritto privato;
– diritto amministrativo;
– scienza delle finanze e diritto finanziario;
– diritto amministrativo (prova pratica).

E’ prevista, inoltre, una prova facoltativa di lingua straniera, a scelta dei candidati, a carattere esclusivamente orale.

DOMANDA

Le domande di partecipazione devono essere inoltrate entro ile 17.00 del 9 novembre 2019 esclusivamente per via telematica, tramite il seguente portale web.

In allegato alla domanda di partecipazione il candidato deve trasmettere i documenti di seguito riassunti:
– copia della ricevuta di versamento di euro 50,00, quale contributo per le spese relative all’organizzazione ed all’espletamento del concorso;
– copia di un documento di identità del candidato in corso di validità;
– un curriculum vitae, recante l’indicazione degli studi compiuti, degli esami superati, dei titoli conseguiti, degli incarichi ricoperti e di ogni altra attività scientifica e didattica eventualmente esercitata;
– il certificato rilasciato dalla competente università attestante le votazioni riportate nei singoli esami e nell’esame finale del corso di laurea in giurisprudenza, conseguita al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni o una dichiarazione sostitutiva;
– copia dello stato matricolare rilasciato dall’amministrazione di appartenenza o un’autocertificazione;
– tutti i titoli utili, anche se già prodotti unitamente a precedenti domande di partecipazione a concorsi per referendario di Tribunale amministrativo regionale, corredati del relativo elenco.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda è riportato nel bando di riferimento che rendiamo disponibile di seguito.

 

BANDO

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.