Università Urbino: concorsi per diplomati e laureati – scadenza 15 dicembre 2016

Università Urbino: concorsi per diplomati e laureati – scadenza 15 dicembre 2016

CONCORSI UNIVERSITA’ URBINO

Sono stati indetti quattro bandi pubblici finalizzati all’ assunzione di quattro unità di personale a tempo determinato (3 anni) presso l’Università degli Studi Carlo Bo di Urbino.

I ruoli da ricoprire sono i seguenti:
– n. 1 unità di personale tecnico-amministrativo Cat. C – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati per le esigenze del Plesso Scientifico 2;
– n.1 unità di personale tecnico-amministrativo Cat. C – area amministrativa presso il Plesso Scientifico 2;
– n. 1 unità di personale tecnico-amministrativo Cat. D – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati presso il Dipartimento di Scienze Biomolecolari (DISB);
– n. 1 unità di personale tecnico-amministrativo Cat. C – area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati presso il Dipartimento di Scienze Pure e Applicate (DiSPeA).

 REQUISITI

Possono partecipare ai concorsi Università di Urbino i candidati in possesso dei seguenti requisiti generali:
– cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’UE, o familiari di cittadini comunitari non aventi la cittadinanza di uno stato membro dell’UE che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente oppure titolari dello status di rifugiato o di persona altrimenti bisognosa di protezione internazionale o dello status di protezione sussidiaria;
– età non inferiore ai 18 anni;
– idoneità fisica all’impiego;
– non essere esclusi dall’elettorato politico attivo;
– non aver riportato condanne penali o interdizione o altre misure che escludano dall’accesso agli impieghi presso pubbliche amministrazioni secondo la normativa vigente e di non aver procedimenti penali eventualmente pendenti a carico;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, né dichiarati decaduti o licenziati da un impiego presso una pubblica amministrazione per aver conseguito l’impiego mediante la produzione di documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile e comunque con mezzi fraudolenti;
– essere in posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.

Inoltre, è necessario aver conseguito i titoli di studio specificati nei singoli bandi.

SELEZIONE

Le procedure selettive si espleteranno attraverso la valutazione dei titoli e dei requisiti dei candidati ed il superamento di prove d’esame, scritte e orali.

Per conoscere l’elenco completo delle materie su cui verteranno le prove si rimanda alla lettura del bando relativo alla posizione d’interesse pubblicato per estratto sulla GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n. 90 del 15-11-2016.

DOMANDE

Le domande di partecipazione ai concorsi per amministrativi, redatte secondo i modelli in allegato ai rispettivi bandi, dovranno essere inoltrate entro il 15 dicembre 2016 al Direttore Generale dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo – Ufficio amministrazione e reclutamento personale tecnico-amministrativo e CEL – Settore del Personale – via Puccinotti, 25 – 61029 -Urbino (PU), secondo una delle seguenti modalità:
– direttamente a mano all’ufficio amministrazione e reclutamento;
– a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento;
– via mail da casella personale di posta elettronica certificata all’indirizzo PEC: amministrazione@uniurb.legalmail.it.

Alla domanda sarà necessario allegare la seguente documentazione:
– copia del documento di identità;
– titoli ed eventuali pubblicazioni;
– titolo di studio.

Ogni altro dettaglio è specificato nel bando di riferimento.

BANDI

Tutti gli interessati ai concorsi per diplomati e laureati dell’Università di Urbino sono invitati a leggere il bando relativo alla posizione d’interesse:
– tecnico amministrativo (area tecnico scientifica) – Cat. C – Plesso 2: BANDO ;
– tecnico amministrativo – Cat. C – Plesso 2: BANDO ;
– tecnico amministrativo – Cat. D – DISB: BANDO ;
– tecnico amministrativo – Cat. C – DiSPeA: BANDO ;

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.