“L’ECONOMIA DELLE MARCHE RICONQUISTARE FUTURO” 13 DICEMBRE 2017

“L’ECONOMIA DELLE MARCHE RICONQUISTARE FUTURO” 13 DICEMBRE 2017

Una serata di alto livello per confrontarsi sullo sviluppo  economico del territorio regionale.
Il Convegno “Economia delle Marche – riconquistare Futuro” organizzato dall’associazione Centro Studi Economia e Territorio  e al quale ha partecipato il Consigliere regionale Mirco Carloni, ha riscosso tante adesioni tanto che la sala del Tag Hotel che ha ospitato la tavola rotonda ha faticato a contenere i partecipanti.
In molti sono intervenuti per ascoltare la prima uscita pubblica del nuovo direttore della Creval Carifano Giorgio Giovannini il quale si è espresso sulla ricapitalizzazione della stessa Creval:  “C’è un pre accordo sul consorzio di garanzia per la sottoscrizione dell’aumento di capitale. Mediobanca insieme a citygroup hanno dato la propria disponibilità. Ora inizia la fase istruttoria che comporterà l’aumento di capitale che nel piano industriale spingera’ a liberare risorse per aumentare l’operatività della banca nel settore degli impieghi”. Poi Giovannini enfatizza il radicamento nel territorio: “Abbiamo 23 filiali che non chiuderanno ma si baseranno ancor di più sul rapporto umano. Il piano di sviluppo prevede di arrivare al 2020 con un contenimento dei costi e una crescita costante”. Se Creval punta ad un piano di rilancio, secondo il prof Berti, docente di Economia degli Intermediari Finanziari all’Universita’ di Urbino Carlo Bo, tratteggia una visione negativa per gli istituti di credito: “Dal 2008 ad oggi non abbiamo più banche che mettono in evidenza la relazione, bensì tendono ad concentrarsi in grandi poli. Così ne consegue che in Italia rimarranno al massimo 10 Banche. Facendo un esempio, le Bcc, che erano 300, tenderanno a confluire tutte al massimo in due grandi gruppi bancari”. La metamorfosi bancaria prende spunto da uno scenario economico regionale che non gode di buona salute in relazione ai dati diffusi dalla relazione di Banca d’Italia. “Il sistema produttivo marchigiano – spiega Gabriele Magrini di Banca d’Italia Marche – era improntato sui distretti industriali, oggi superati dalla tecnologia, informatizzazione e delocalizzazione. Ci sono indici che lasciano pensare che la fase critica della crisi è passata. Anche se ancora stenta a crescere l’occupazione visto che siamo all’11,3% di dosoccupazione. Il sistema marchigiano non vede grossi centri abitati e deve modernizzare il suo sistema imprenditoriale. A pesare come un fardello c’è anche il terremoto che occupa il 40% del territorio marchiagiano. Nonostante questa impasse, si deve pensare ad un ritorno di fiducia verso la crescita”.
Galleria Fotografica
25289177_10213062347907466_9061425643047407574_n 25158334_10213062343907366_1792734493922104063_n 25289237_10213062347587458_2299449540062135645_n 25289440_10213062341787313_3378911494350354262_n 25348791_10213062344747387_204309855358796786_n 25348740_10213062345387403_2401681322846311438_n 25289679_10213062339627259_7136258007694818589_n 25158220_10213062346067420_5085541628873368213_n 25157922_10213062338947242_7279465369662749026_n 25158230_10213062348867490_5685376541080075005_n 25158237_10213062344307376_1024277299948530520_n 25152241_10213062349227499_1993515034250320237_n 24993623_10213062346307426_9017926176634129358_n 25152076_10213062338307226_2637280551353382889_n 25152145_10213062348427479_2672233828550311556_n 25396132_10213062342227324_99543001867281627_n 25289259_10213062341507306_3831290124441626437_n 25299487_10213062340747287_4754234206939573545_n 25299135_10213062343267350_6393140032308787675_n 25398904_10213062347147447_7584554670913477146_n 25353806_10213062339267250_7252250909804323103_n 25348832_10213062349747512_6246471234011114159_n 25348806_10213062340107271_4267679758534728610_n
 RASSEGNA STAMPA
25152220_10213062337027194_5092863064447554441_n 25359926_10155146485143027_958258530_n 25360820_10155146485128027_424755597_n 25437387_10155146485113027_404041569_n
Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Consigliere Regionale, Assemblea Legislativa delle Marche.